scopata in cucina

Incontri di sesso, Troie al telefono

La mamma troia del mio amico

10 Lug , 2017  

mamma troiaVi voglio raccontare una storia, che solo apparentemente vi potrà sembrare banale. Vi voglio raccontare l’esperienza che ho vissuto oggi con una mamma troia, una di quelle donne mature (definite Milf), tettone, senza scrupoli e con molta, molta esperienza alle spalle. Ma non parlo di esperienza lavorativa, bensì di esperienza sessuale… la capacità di scopare divinamente e di far godere i maschi esigenti e perversi come me.

La prima volta con una mamma troia

Oggi ho conosciuto la mamma del mio migliore amico. E’ stata la prima volta che la incontravo di persona, non c’era mai stata occasione di vederci da vivo; l’avevo sempre e solo sentita per telefono: “Pronto? Buongiorno, sono Marco. C’è Luca?” … ecco queste erano le classiche parole che ci si scambiava quasi tutti i giorni al telefono. Poi tutto finiva lì. Ero però curioso di conoscerla, sapevo che aveva più di 50 anni ma aveva una voce molto sensuale ed intrigante. Inoltre era separata dal marito e, sicuramente, vogliosa di cazzo.

mamma tettonaQuesta mattina decisi di andare a casa del mio amico con una semplice scusa, sapendo che avrei trovato sua mamma da sola, una vera troia matura che mi sarei potuto scopare.
Suonai il campanello e mi aprii lei la porta di casa. Rimasi folgorato! Una donna bellissima, matura ma dimostrava molti anni di meno. Un bellissimo viso e un sorriso malizioso, dei bellissimi capelli scuri, occhi verdi e un seno prosperoso (sicuramente una quarta).
Indossava una leggera vestaglia che faceva intravedere tutto; non portava il reggiseno e, attraverso il tessuto, riuscivo ad intravedere i suoi capezzoli turgidi. La troia non indossava nemmeno le mutandine; attraverso la vestaglia vedevo chiaramente il pelo della sua figa.

Una matura vogliosa di cazzo

mamma scopata in cucinaIl cazzo mi divenne subito durissimo e lei se ne accorse immediatamente. Aveva una gran voglia di cazzo, lo si capiva guardandola negli occhi. Mi fece accomodare in cucina e mi chiese se volessi bere qualcosa. Ero completamente stordito, in quel momento avevo un solo pensiero in testa: le sue tette, la sua figa e la voglia di scoparmela sul tavolo della cucina.
Prima che io potessi risponderle mi offrii del caffè, fece il gesto di passarmi la tazzina ma se la rovesciò completamente addosso. L’aveva fatto apposta, si era capito benissimo!
Si girò di scatto, la vestaglia si aprii e rimase quasi completamente nuda. Le sue intenzioni erano molto chiare.

Numeri di telefono Milf

Numeri di telefono Milf


Avevo davanti a me una donna matura, provocante, sensuale con un corpo da favola e un’incontenibile voglia di scopare. A quel punto presi in mano io la situazione. Mi avvicinai, le misi le mani sulle tette e cominciai a massaggiarle. Erano sode, grandi, erano due meloni maturi pronti per essere succhiati.
Iniziai a succhiare e baciare i capezzoli che divennero subito più duri; la troia inizio a gemere, mi mise una mano sul pacco e incominciò a palpeggiare. Il mio cazzo era già duro, e lo divenne ancora di più. Mi sbottonò i jeans e lo tirò fuori, si mise in ginocchio davanti a me e lo prese in bocca guardandomi negli occhi come una cagna in calore.
Le donne mature sono le più esperte e questa mamma troia ne era la dimostrazione. Una gran bocca da vacca succhiacazzi; mi stava facendo un pompino favoloso, mi stava leccando il cazzo con voglia e succhiando la cappella in maniera impeccabile.

Mi sono inculato la mamma puttana

Dopo avermelo succhiato per diversi minuti, si appoggiò al tavolo della cucina mostrandomi il suo meraviglioso culo. Ero arrapatissimo ed iniziai a leccarle il buco sputandoci sopra; avevo capito le sue intenzioni: voleva che la scopassi proprio lì.
Appoggiai la cappella gonfia sul suo sedere; lei mi prese il cazzo in mano e, piegandosi alla pecorina, se lo infilò nel buchetto gemendo come una vacca ninfomane.
La scopai così per un quarto d’ora abbondante dandole degli energici colpi di cazzo. Lei urlava e mi chiedeva di spingere ancora più forte; la stavo inculando in maniera memorabile.
Alla fine, tirai fuori il cazzo e le sborrai in bocca facendole bere tutto.

, , ,



I commenti sono chiusi.